Ets, ok attività “diverse” se entro il 30% delle entrate

Riforma del Terzo settore, al via le nuove regole per lo svolgimento delle attività “diverse”.

Dopo la firma dei Ministri del Lavoro e delle Finanze, la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto potrebbe già scattare la prossima settimana, a partire da lunedì.

Si inquadrano nelle c.d. attività diverse le tipiche entrate commerciali attraverso cui gli enti traggono risorse per sostenere gli scopi principali (sponsorizzazioni, cessioni di beni, somministrazione etc..).

I nuovi parametri si applicheranno agli enti del terzo settore iscritti nel RUNTS, la cui operatività è attesa entro quest’anno.

Trattandosi di parametri basati sul rapporto tra entrate e uscite dell’ente, cosi come risultanti alla fine dell’esercizio, i nuovi limiti non potranno che scattare dal prossimo anno, essendo improbabile una applicazione nel corso dell’esercizio.

Per le ONLUS i nuovi parametri scatteranno solo dal periodo d’imposta successivo al vaglio UE delle misure fiscali.  

Fino a quel momento le ONLUS saranno tenute ad applicare la più stringente normativa in tema di attività “connesse”.

Qualsiasi attività potrà qualificarsi come “diversa”, a patto che le relative entrate siano reinvestite negli scopi istituzionali dell’ETS.

Per rientrare tra le attività diverse i relativi ricavi inoltre non dovranno essere superiori al 30 % delle entrate complessive o 66% dei costi complessivi.

La scelta del criterio è legata alle caratteristiche dell’attività svolta. Ad esempio, il parametro bassato sui costi complessivi potrebbe essere quello più congeniale per gli enti che svolgono la propria attività principale, parzialmente o integralmente, a titolo gratuito.

Laddove l’ente dovesse superare in un determinato esercizio i limiti previsti avrà la possibilità di ristabilire l’equilibrio nel periodo successivo riducendo proporzionalmente il rapporto tra entrate e costi.   

Al superamento dei limiti, l’Ets deve dare segnalazione entro 30 giorni dalla data di approvazione del bilancio.

In caso di omessa segnalazione, l’Ufficio dispone la cancellazione dal Runts.

Condividi l'articolo
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su email